Monthly Archives: gennaio 2012

Il mare italiano, meta preferita nel 2011

Secondo Hotels.com testa classifica Nova Siri seguita da Riomaggiore e Pesaro

Il Mare italiano nel 2011, secondo Hotels.com, e’ tra le mete piu’ richieste dai viaggiatori. La citta’ che ha avuto un maggior numero di ricerce é Nova Siri, in provincia di Matera, seguita da Riomaggiore e Pesaro. Il centro lucano, che conta 6.500 abitanti, è l’ideale per chi desidera trascorrere una vacanza tra siti archeologici e la meravigliosa costa ionica. Nova Siri, infatti, è situata non molto lontano dagli storici Sassi di Matera e dalla caratteristica Policoro e dista pochi chilometri dalle meravigliose spiagge di Metaponto e Sibari. Nel litorale ionico, troviamo anche un notevole aumento di richieste  per Ugento, che ha registrato un +452% rispetto al 2010.
Non vanno male le Campane che durante lo scorso anno, hanno registrato un’impennata di ricerche, in particolare Capaccio (+464%), Vietri sul Mare (+419%) e Salerno (+383%). A queste si aggiunge la città calabra di Ricadi che occupa una notevole posizione in classifica (+433%). Anche le località della Sicilia hanno subito un considerevole aumento di ricerche rispetto al 2010, tra le città più richieste compaiono Noto (+406%) e l’affascinante Siracusa (+405%). La seconda città che ha registrato l’aumento maggiore di ricerche rispetto al 2010, è stata Riomaggiore (+472%): uno dei borghi più caratteristici della riviera ligure.
Oltre al mare cristallino, Riomaggiore, sede del Parco Nazionale delle Cinque Terre, è nota per i tipici e affascinanti carruggi che si affacciano sul torrente Rivus Maior. Nonostante la recente alluvione che ha colpito questa zona, le Cinque Terre rimangono un patrimonio paesaggistico di inestimabile valore e di forte richiamo turistico. Anche Loano, posizionata sulla riviera di ponente, è risultata tra le mete con il maggior aumento di ricerche nel 2011 (+427%) rispetto all’anno precedente.
In settima posizione troviamo Grosseto, con un aumento nelle ricerche del 462%, seguito dal +381% di Fiumicino: il piccolo centro laziale sul delta del Tevere e sede dell’aeroporto romano. Non sembra essere da meno anche la riviera romagnola e marchigiana.
Le attrezzatissime spiagge di Pesaro (+470%), Cattolica (+465%) e Cesenatico (+444%) esercitano sempre una forte attrattiva, tanto che nel 2011 sono incluse tra le città che hanno registrato il più grande aumento di ricerche rispetto al 2010. Tra le mete in alta quota, la città che ha registrato il maggior aumento di ricerche rispetto al 2010 è Roccaraso (+420%), in provincia de L’Aquila, con i suoi impianti sciistici tra i più rinomati all’interno dell’Appennino.
Si registra anche la presenza sporadica di qualche località collinare immersa nel verde: Manciano, uno dei borghi più belli della Maremma, ha registrato un aumento di ricerche nel 2011 del 389% rispetto al 2010. Tra le località lacustri la meta che ha registrato il maggior aumento di ricerche è invece Bardolino (+382%) nell’elegante cornice del lago di Garda, a pochi chilometri da Verona.
Secondo Hotels.com, infine, le mete straniere che hanno registrato il maggior aumento di ricerche da parte degli italiani nel 2011 rispetto al 2010, invece, sono state Minorca (+462%) e Rodi (+384%). Le isole Baleari e la Grecia esercitano, da sempre, un forte fascino sia sui connazionali che vogliono godersi una vacanza tranquilla in famiglia, sia su chiunque desideri trascorrere qualche giorno nella movida locale.

FONTE: http://www.ansa.it/web/notizie/canali/inviaggio/news/2012/01/26/visualizza_new.html_70004348.html

Liceo Classico allagato, è protesta

Provincia sotto accusa: «La disfunzione era stata segnalata già prima di Natale» – Studenti in sciopero per un guasto ai termosifoni e lo scoppio di un tubo
“E’ la goccia che fa traboccare il vaso”. I ragazzi, davanti ai cancelli del Liceo Classico di Nova Siri, sono furiosi. Ieri mattina hanno deciso di non entrare in classe. Si sono fermati davanti alla soglia della scuola, non prima di aver constatato il mancato funzionamento dell’impianto termico e l’allagamento di alcune aule. Più tardi si sonoriuniti per scrivere e diffondere una dura nota sulla vicenda, con accuse alla Provincia, preposta alla manutenzione degli impianti scolastici. Secondo i ragazzi, infatti, il disagio sarebbe dovuto proprio a «scarsa manutenzione». Ci sarebbe un’aggravante: «Il problema -hanno scritto nella nota inviata da Carlo Miceli, rappresentante di Istituto- era del tutto prevedibile per gli evidenti segni di umido sulle pareti, ravvisati sin dal primo giorno di lezione al rientro dalle vacanze natalizie». Ma nessuno, a quanto pare, si sarebbe mosso per tempo. Sul luogo,ieri mattina,è arrivato anche Antonio Stigliano, consigliere provinciale del Pdl. Anche lui ha segnalato come il disagio sia stato aggravato dalla mancata solerzia degli interventi da parte della Provincia: «Il problema era stato già segnalato dalla dirigenza scolastica alla Provincia, ma nessun intervento è stato nel frattempo eseguito, aggravando di fatto l’entità dei danni che ora interessanogli intonaci, gli infissi e la dotazione impiantistica». Il consigliere ha, inoltre, dichiarato di aver interessato della questione il presidente Franco Stella, il quale avrebbe assicurato l’intervento dei tecnici già in mattinata. «In considerazione della gravità dell’accaduto -ha proseguito Stigliano- ho presentato interrogazione urgente al presidente della Provincia e all’assessore al ramo(Gianni Rondinone ndr) chiedendo di conoscere quali siano gli interventi urgenti che l’Amministrazione provinciale intende eseguire per ripristinare in tempi rapidissimi le condizioni minimali per la ripresa delle attività didattiche, ritenendo totalmente insufficiente l’intervento di sopralluogo annunciatomi dal personale incaricato dell’Ufficio tecnico. Risolta questa spiacevole ed evitabile situazione -ha continuato Stigliano- l’amministrazione provinciale deve immediatamente dar corso ai programmati, peraltro già appaltati, interventi di completamento dell’ampliamento del liceo al fine di consegnare un’opera cominciata da circa quattro anni e inspiegabilmente non ancora conclusa. Sollecito, infine, gli interventi di adeguamento e messa in sicurezza della palestra, anch’essi programmati e finanziati coni fondi Pois per 150mila euro, al fine di poter rendere la stessa fruibile anche da parte dei bambini della adiacente scuola elementare “Luigi Settembrini”. Il problema, insomma, non è uno solo. Anzi, il disagio degli impianti da molti è percepito solo come uno dei tanti esempi di scarsa considerazione per l’Istituto di Nova Siri. E’ un sentimento di frustrazione piuttosto diffuso, che comincia a percepirsi anche tra gli insegnanti. E’ quello di un territorio che spesso sente di non essereuna priorità per i luoghi del potere amministrativo e politico, una terra di nessuno. «Matera è lontana», sussurra una mamma.

FONTE: Pino Suriano da Il Quotidiano della Basilicata

I rendimenti pubblicitari di NovaSiri.info

Dal 2005 sul Blog di Nova Siri pubblico le statistiche annuali, quanti visitatori e pagine viste ci son state sul Blog e sul sito web. Quest’anno invece, non in preda ad una mia paranoia… ma di altre persone, le quali divulgano informazioni sbagliate per le vie di Nova Siri… e anche per quelle legali, pubblico il rapporto sui rendimenti pubblicitari del sito www.novasiri.info!

 Clicca sull’immagine per ingrandirla. La freccia rossa indica il periodo di tempo dei report, dal primo gennaio 2011 al primo gennaio 2012, l’importo sottolineato è il rendimento annuale.

Perchè mostrarvi questo report? Beh, innanzitutto perchè sono tutte entrate FATTURATE, quindi non sono un evasore!

Sono rimasto davvero amareggiato, per la grande ignoranza di alcune persone, le quali sostengono e divulgano informazioni sbagliate sul mio conto ed operato, sostenendo che io lucri sulle vicende novasiresi, alimentando pettegolezzi e “male lingue” per poter guadagnare con la pubblicità! Bene, signori, giudicate voi, i report sono qua e ditemi se con questi rendimenti io potrei mai mantenere una famiglia composta da 4 persone! Grazie a Dio il mio lavoro consiste in altro!

Io mi limito a mostrare il vostro torto e non ad agire per vie legali, come spesso mi è stato consigliato… proprio per non mettermi alla pari della Vostra dignità.

Con sommo dispiacere, sono costretto a constatare, dal 2005 ad oggi, che le “opere” di gratuità per la nostra comunità non solo non vengono sostenute, ma vengono denigrate! Non m’importa perchè comunque questo luogo conta tanti lettori, per essere un Blog che narra le notizie di un piccolo Comune, i quali sono realmente interessati a quello che accade nella nostra comunità, al contrario di chi dovrebbe interessarsene!

Spero che questo Blog possa continuare essere un luogo dove poter discutere in maniera sana e poter essere uno strumento per vivere bene in un Paese migliore. Abitiamo in Basilicata, la Regione d’Italia con le maggiori risorse naturali ma allo stesso tempo una delle Regioni più povere d’Italia! Matera e la sua provincia non vengono neanche mensionate nella classifica delle città più o meno vivibili d’Italia. Per non parlare del potenziale di Nova Siri, delle cose che ci sono e che ci dovrebbero essere per essere un comune turistico e di quello a cui si potrebbe tendere per abitare in un luogo migliore!

Felice 2012. Giannicola Montesano