Il commerciante Bianco torna a denunciare presunte irregolarità

La seconda puntata. Domenico Bianco, conosciuto come Mimmo, è il commerciante che aveva inviato al Comune di Nova Siri l’esposto ormai famoso sull’appropriazione di spazi pubblici da parte degli esercenti commerciali del suo paese. Nei giorni successivi aveva annunciato un seguito alla sua azione di segnalazione. E così, nella scorsa settimana, Bianco è tornato in Municipio per protocollare una seconda missiva, indirizzata al sindaco di Nova Siri, Giuseppe Santarcangelo, e, per conoscenza, agli assessori comunali all’Urbanistica e all’Ambiente, all’Ufficio Tecnico e al Comando dei Vigili Urbani. Vi si fa cenno, con il corredo di immagini documentarie, ad alcune situazioni non propriamente a norma, almeno a suo giudizio. Si parte dalla manutenzione della segnaletica stradale, a suo dire non chiara e ai limiti della pericolosità. C’è poi un riferimento all’edilizia, in particolare a “ponteggi montati da diversi mesi, che non rispettano alcuna norma di sicurezza, eretti intorno ad edifici in fase di ristrutturazione dei quali nessuno si accorge”. Infine, sempre a Nova Siri, secondo Bianco ci sarebbero “veri e propri magazzini privati su strade pubbliche e di libero accesso”. Questa la conclusione della lettera alle autorità: “Vi ringrazio per l’attenzione e vi chiedo di dare spazio a chi vuole lavorare seriamente, a chi è stato disposto a fare investimenti privati e a chi non ha mai chiesto nulla a nessuno. Vi chiedo, inoltre, di essere più attenti a chi deturpa il nostro paese, a chi non pensa che determinati atteggiamenti impoveriscano ancora di più la nostra comunità”. A Nova Siri le segnalazioni di Bianco hanno suscitato una duplice reazione nell’opinione pubblica. Da una parte c’è chi riconosce al commerciante il positivo ruolo di segnalazione di problemi reali, dall’altro c’è chi gli contesta un inasprimento del clima e delle relazioni tra commercianti. Che effetto avrà questa nuova segnalazione? E, soprattutto, c’è da attendersi altro?
FONTE: Pino Suriano da Il Quotidiano della Basilicata

3 Risposte a Il commerciante Bianco torna a denunciare presunte irregolarità

  1. siddartha ha detto:

    L’URBANISTICA l’argomento tabù, la cosa di cui non bisogna parlare assolutamente a Nova Siri. Non solo ponteggi e magazzini privati sulle strade pubbliche (V.le Siris), il problema è che per volontà di colui che può, di colui che stà studiando da sindaco, (che per fortuna non lo diventerà mai, Cosimo e quelli intorno a lui non vogliono),è un settore ingessato della pubblica amministrazione. L’Arch. Suanno tanto voluto dal Sindaco Santarcangelo per occuparsi di Urbanistica, ha dovuto desistere è stato costretto a rinunciare al Settore in cui aveva maturato lunga esperienza a Roma per occuparsi di manutenzione. Santarcangelo e l’Assesore Pavese preferiscono Ciccio, a loro dire è più esperto, è ben voluto dai cittadini di Nova Siri, è la persona più cordiale e disponibile che c’è, è il funzionario più stimato (amato) dai tecnici locali. In che mondo vivono a me risulta il contrario, i conti non tornano. Voglio ricordare una cosetta piccola piccola, Viale della Libertà e i suoli comprati dai novasiresi con lacrime e sangue, perchè non parte? Dobbiamo aspettare che arrivi qualcuno da fuori a comprarli tutti, qualcuno che sfrutti la rassegnazione della gente per far man bassa di tutto? Dove sono le infrastrutture, dove sono i servizi, dov’è via Maria Teresa di Calcutta Assessore Pavese? Fino a quando prevarrà quest’anima conservatrice, ci saranno i figli e i figliastri, mansarde che alcuni possono fare e altri no, il monopolio dell’offerta edilizia nelle mani di alcuni. A chi giova non far costruire, nel rispetto di poche regole chiare e uguali per tutti, a chi giova non favorire l’economia reale del cittadino che vuole farsi una casa, creando possibilità di lavoro per tecnici, imprese e fornitori locali? E’ questo il punto caro Mimmo, fino a quando avremo questa classe politica, le tue denunce sortiranno l’effetto contrario di quello che spero le animano. Per far vedere che pure fanno qualcosa se la prenderanno col Domenico di turno, con l’ultima ruota del carro, non hanno nessuna volontà di impegnarsi per il bene della comunità novasirese. Nel Comune di Nova Siri la politica non c’è, i nostri amministratori sono preoccupati solo della poltrona e dell’indennizzo, altrimenti non demanderebbero tutto ai funzionari, prenderebbero posizione, darebbero delle risposte ai cittadini, darebbero degli indirizzi chiari e univoci all’attività amministrativa. Alle prossime puntate.

  2. PennaLibera ha detto:

    3 x 3 = 27

  3. domenico ha detto:

    Credo che l’ultima persona che possa pretendere della considerazione da altre persone (di Nova Siri o di altre localita’) sia proprio Il bianco Domenico visto che è stato denunciato da varie persone comreso il sottoscritto per vari reati ed in primo luogo per truffa! Per pensare che nel nostro paese possa cambiare qual’cosa bisogna comiciare a non considerare Italiani quelli come Bianco Domenico e quindi non permettergli di occuparsi di ciò che un’amministrazione comunale o di altro genere decida di fare, in quanto alla veridicità delle mie affermazioni…portroppo sono suo cugino!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *